7 thoughts on “Competenze Verticali o Tuttologo ?

  1. Simone Raggi 28 dicembre 2016 alle 11:22 Reply

    Caro Andrea, ho letto con attenzione l’articolo e mi prendo qualche minuto per scrivere in quanto mentre nelle prime “righe” mi ritrovavo in quanto affermavi…più arrivavo in fondo e meno lo ero, anzi devo dire che quanto scrivi è assolutamente fuori luogo…almeno per quanto riguarda LA MIA AZIENDA.
    Trovandomi “al di qua” della barricata (uso questo termine per farmi capire da chi è dipendente…perchè in Italia c’è ancora chi pensa da buon asino che l’imprenditore è una cosa e il dipendente è un ‘altra…mentre STANNO ENTRAMBI SULLA STESSA BARCA) mi sento di precisare alcuni pèunti del tuo articolo, e precisamente:
    A) Spacciare i propri tecnici per esperti quando non lo sono è un danno per l’Azienda – D’ACCORDISSIMO
    B) L’ambiete lavorativo non può essere una cerchia ristretta in quanto se lo’imprenditore fa il suo lavoro a dovere, i clienti aumentano continuamente essendo il bene più prezioso dell’azienda stessa
    C) Se i tecnici fanno una figura di merda E’ L’AZIENDA XYZ CHE LA FA, non il tecnico. Nella mia azienda i tecnici sono il biglietto da visita e quando effettuano interventi di assistenza mi rappresentano: è grazie alla loro professionalità ed attenzione verso il cliente che si genera intorno al fornitore (noi ….PLURALE) la buona immagine di azienda serie e competente, se i tecnici lavorano di merda anche l’azienda XYZ avrà una cattiva fama e nessuno la contatterà più per avere assistenza.
    D) Srl che vogliono fare le SPA ? Boh sinceramente per quanto mi riguarda cerchiamo di dare il massimo con il personale che abbiamo, se un tecnico in una giornata può fare 4 interventi , tu gliene puoi dare 6 ma alla fine della giornata ne farà sempre 4…quindi questa non l’ho capita.
    E) Il rispetto è fondamentale all’interno di un’azienda.C’è ancora qualche imprenditore che non rispetta i propri dipendenti ? Che pirla !! Peggio per lui….l’ambiente lavorativo ed il rendimento che otterrà sarà proporzionato al rispetto nei loro confronti. Per quanto riguarda i clienti il rispetto è la norma….ma si trova sempre qualche cliente pirla come gli imprenditori come sopra.

    Morale della favola ? Imprenditori e dipendenti (a noi piace chiamarli COLLABORATORI) sono tutti sulla stessa barca, se l’obbiettivo di crescita è comune..tutti remeranno nella stessa direzione per raggiungerlo e si andrà lontano, altrimenti la barca rimarrà in mezzo al lago continuando a girare in tondo !
    Buon 2017 a tutti.

    Liked by 1 persona

    • Mr Tozzo 28 dicembre 2016 alle 11:45 Reply

      Ciao Simone se tutti gli imprenditori fossero come te questo post non sarebbe mai nato, ma veniamo a noi.

      1) L’ambiente lavorativo non può essere una cerchia ristretta in quanto se lo’imprenditore fa il suo lavoro a dovere, i clienti aumentano continuamente essendo il bene più prezioso dell’azienda stessa

      Per ambiente lavorativo intendevo il settore dove uno lavora, ad esempio nel settore IT presso i grossi clienti le aziende che fanno consulenza sono sempre le stesse e non stiamo parlando di 100 aziende, ma molto molto meno. Quindi le facce dei consulenti sono sempre le stesse, possono cambiare la maglia ma alla fine sono sempre loro.

      2) Se i tecnici fanno una figura di merda E’ L’AZIENDA XYZ CHE LA FA, non il tecnico. Nella mia azienda i tecnici sono il biglietto da visita e quando effettuano interventi di assistenza mi rappresentano: è grazie alla loro professionalità ed attenzione verso il cliente che si genera intorno al fornitore (noi ….PLURALE) la buona immagine di azienda serie e competente, se i tecnici lavorano di merda anche l’azienda XYZ avrà una cattiva fama e nessuno la contatterà più per avere assistenza.

      Vero, ma è anche vero che una azienda ha più “risorse” per riprendersi da una figura di merda, da questo punto di vista il dipendente è più debole.

      3)Srl che vogliono fare le SPA ? Boh sinceramente per quanto mi riguarda cerchiamo di dare il massimo con il personale che abbiamo, se un tecnico in una giornata può fare 4 interventi , tu gliene puoi dare 6 ma alla fine della giornata ne farà sempre 4…quindi questa non l’ho capita.

      “Srl che vogliono fare le Spa” non ha iene a che vedere con l’impegno che una azienda ci mette per fare il suo lavoro, anzi l’impegno è sempre ben visto. Per “Srl che vogliono fare le Spa” intendo quelle Aziende che si vogliono ingrandire (che è giustissimo) ma che non vogliono fare investimenti per la crescita, ma pensano solo a prendere più clienti possibili e a promettere la luna quando non riescono ad uscire manco dal quartiere dove si trovano.

      Quali sono questi investimenti? Formazione del personale, nuove assunzioni, attività di marketing… non puoi pretendere di coprire N settori (diversi tra di loro) con la struttura che avevi quando ne coprivi solo uno.

      Mi piace

      • Simone Raggi 28 dicembre 2016 alle 12:01 Reply

        Si, condivido che ci sono imprenditori che promettono mari e monti ma poi non hanno la struttura e nemmeno i tecnici con competenze specifiche per ricoprire quel segmento….purtroppo (o per fortuna) si sputtanano da soli alla fine. A volte qualche trattativa te la soffiano e ciò che dispiace è che poi creano nei clienti un clima di diffidenza e sospetto…chi rimane fregato è sempre più diffidente rispetto agli altri ..è umano.

        Forse in effetti la giusta chiave di lettura del post risulta più semplice a quelli che lavorano male, rispetto a chi lavora bene. Il mio rammarico è che facciamo poca formazione sui tecnici che abbiamo in quanto la struttura è sempre “tirata”, ma condivido pienamente che è uno sforzo da fare per avre le base solide su cui sviluppare il proprio business: tecnici competenti !
        Anni fa anch’io come imprenditore investivo poco e male mentre negli ultimi anni ho capito, come dici giustamente tu, che per crescere oggi…bisogna investire.
        A presto.

        Liked by 1 persona

  2. Andrea Torti 28 dicembre 2016 alle 12:34 Reply

    Un Web Writer che sia anche SEO Specialist, Community Manager, e magari pure Chief Listening Officer…

    A leggere certi annunci di lavoro sembra di essere alla fiera del 3 x 1 😀

    Mi piace

    • Mr Tozzo 28 dicembre 2016 alle 13:07 Reply

      E molte volte le attività non hanno correlazioni tra di loro.

      Mi piace

  3. Federico Chigbuh Gasparini 29 dicembre 2016 alle 17:26 Reply

    Auguri, caro Andrea,

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: