E’ giusto “sporcare” il proprio blog con una marchetta?

 

La scorsa settimana ho lanciato su Google Plus un sondaggio dove ponevo la seguente domanda: E’ giusto “sporcare” il proprio blog con una marchetta? Questa domanda è nata perché molte volte mi arrivano email di Agenzie Pubblicitarie/Marketing dove mi viene chiesto di “collaborare” per pubblicare sul mi blog post scritti da loro per rilanciare i loro prodotti/clienti.

 

IL BLOGGER E’ FIKO SOLO QUANDO TI PARE…

Il blogger è la figura sul web più bistrattata perché non è considerata una professione, non puoi lavorare con un blog e che fai vuoi pure i soldi? Ma non dai ti pago in visibilità con qualche like, per non parlare poi dei giornalisti che hanno quasi un odio verso la categoria dei blogger.

Questo perché si ha paura di quello che non si conosce e aziende, imprenditori, giornalisti non hanno ben chiara la figura del blogger come (nella maggior parte dei casi) non hanno ben chiaro come si utilizza il Web/Social Media.

Quindi perché allora arrivano richieste di questo genere? Perché mi viene chiesta di fare una marchetta? Io mi sono fatto questa idea:

 

  • Il blogger fa paura ma può raggiungere molte più persone di una semplice pubblicità
  • Il blogger non è un professionista ma un ragazzino nerd, quindi lo possiamo pagare poco o ancora meglio lo paghiamo con la visibilità (ma si dai qualche like, qualche condivisione ed è contento)
  • Lo pago e quindi il blogger parlerà sicuramente bene del nostro prodotto perché altrimenti siamo rovinati

 

PERCHE’ NON BISOGNA ACCETTARE UNA MARCHETTA

Aspetta ma io voglio campare con il blog perché non dovrei accettare di fare una marchetta? Perché la tua reputazione online ti serve integra se vuoi lavorare veramente con il blog. Ecco perché secondo me faresti bene ad non accettare:

 

  • Il blog è casa mia e quindi sono io che decido cosa pubblicare come pubblicarlo e lo stile
  • Nella marchetta non sei mai veramente libero e i tuoi followers invece vogliono la sincerità da te
  • Prenderesti in giro i tuoi followers
  • Devi sperare che i post siano in linea con i tuoi argomenti, altrimenti come fai a giustificare un cambio di rotta?

 

Vuoi veramente guadagnare con il blog? Allora usalo per fare consulenze, risolvere problemi, divulgare quello che sai e vedrai che i clienti arriveranno magari non subito ma arriveranno, non scegliere la strada più veloce.

 

IL SONDAGGIO

Ti avevo detto che avevo lanciato un sondaggio su Google+, eccolo qui e se ti va lascia il tuo voto.

 

 

CONCLUSIONI

E tu cosa ne pensi? E’ giusto “sporcare” il proprio blog con una marchetta? Lascia il tuo parere nei commenti sotto questo post.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando:Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi).

 

Messo il tag:, , , , , ,

13 thoughts on “E’ giusto “sporcare” il proprio blog con una marchetta?

  1. Alberto Tonelli 22 febbraio 2016 alle 10:24 Reply

    NO … se per marchetta intendi, per esempio nel mio caso, scrivere qualcosa di un libro solo perché l’autore o l’editore ti ricompenserà in qualche modo ….

    Liked by 1 persona

    • Mr Tozzo 22 febbraio 2016 alle 10:26 Reply

      Anche… se devo fare una recensione devo essere libero di scrivere quello penso veramente del prodotto.

      Ma anche no al testo imposto da altri che serve solamente a rilanciare clienti e prodotti mai visti.

      Liked by 1 persona

  2. vespamoto39 22 febbraio 2016 alle 14:33 Reply

    io ho fatto il contrario: ho visto un prodotto e l’ho pubblicizzato, credendo nel prodotto stesso. Ho fatto due post, senza che i produttori mi chiedessero nulla. Ne è nata una bellissima collaborazione assolutamente gratuita di comune scambio di cortesie ed anzi, ne è nata proprio una amicizia vera. Non mi è mai capitato di avere una richiesta del genere, ma penso che dipenda tutto dal modo e dal cosa. Il modo in cui mi viene chiesto, e cosa mi viene chiesto. Non penso si possa in assoluto dire si o no. Buona continuazione Mr!
    Ciao

    Liked by 1 persona

    • Mr Tozzo 22 febbraio 2016 alle 14:35 Reply

      Ma il prodotto l’hai testato prima di promuoverlo ?

      Liked by 1 persona

      • vespamoto39 23 febbraio 2016 alle 9:09 Reply

        Ho visto il prodotto in prototipo alla fiera del ciclo e motociclo, mi sono fatta dare il materiale. Loro mi hanno dato il loro comunicato stampa, ed io l’ho integrato con le mie competenze di veterinario. Si tratta di un bauletto per il trasporto dei cani in moto e scooter, entro i 10 kg, di peso. Domenica scorsa abbiamo fatto la promozione dal vero, presso il nostro negozio, quindi pubblicità gratuita…. (anche se non l’ho fatto con quel fine).
        Insomma è andata bene per tutti! ciao

        Liked by 1 persona

        • Mr Tozzo 23 febbraio 2016 alle 13:36 Reply

          Ottimo !! Questo dimostra che se fatta con criterio la marchetta non è il male !!

          Mi piace

  3. Federico Chigbuh Gasparini 22 febbraio 2016 alle 15:28 Reply

    Caro Andrea,

    attendevo con ansia questo post ed alla fine è arrivato.

    La mia risposta come ho recentemente argomentato rispondendo al tuo sondaggio è…
    dipende.

    Dipende da chi ti propone la cosa e dal prodotto o servizio che dovresti promuovere.

    Inoltre, ci sono tante altre considerazioni minori e molto spesso soggettive che bisognerebbe prendere in considerazione.

    Io ho fatto la mia marchetta ed alla fine sono rimasto soddisfatto dell’esperimento, che per correttezza nei confronti dei miei lettori avevo preannunciato con un post.

    Dopo il tuo sondaggio, inoltre, ho riflettuto ancora di più sulla cosa e mi son detto che, per analogia (qui si vede la mia forma mentis giuridica) anche i banner pubblicitari o le affiliazioni che si vedono sui blog sono in un certo senso una marchetta.

    Quindi anche quelle forme di pubblicità dovrebbero sporcare l’immagine del blogger.

    Alla fine o tutte le forme di monetizzazione derivanti da attività promozionali di un prodotto o servizio sono negative per la popolarità di un blog oppure nessuna lo è.

    A questo punto devo dire che la tua fine provocazione intellettuale ha aperto, almeno nel mio caso, una profonda riflessione.

    Perché non approfondire il tuo sondaggio per capire se è più accettabile una marchetta sul blog personale rispetto ad una su uno professionale oppure se è giusto trasformare il proprio blog in una piattaforma commerciale (qui intesa come display per la promozione commerciale di prodotti altrui, n.d.r.) come il blog di Salvatore Aranzulla o di altre star nostrane del web?

    Tu che ne pensi, caro Andrea?

    Liked by 1 persona

    • Mr Tozzo 23 febbraio 2016 alle 9:49 Reply

      Ciao Federico prima di tutto grazie per il tuo, interessante, commento. La marchetta di per se non è detto che sia per forza negativa se però segue certe regole, che non sono regole scritte ma regole che mi sono dato io come lettore.

      Prima di tutto la marchetta deve essere dichiarata, come hai fatto te, e non nascosta perché altrimenti prenderesti per i fondelli i tuoi lettori. Il lettore va rispettato perché se il tuo blog macina visite e ha popolarità è solo grazie a loro.

      Banner pubblicitari e affiliazioni, si hai ragione anche quelle sono marchette ma se usate con criterio sono meno invasive di un post-marchetta. Anche in questo caso se il tuo blog è composto da 90% di banner e dal 10% di informazioni utili lo capisci da solo che non puoi avere una buona reputazione.

      Aranzulla è il classico esempio di come una marchetta ha rovinato il blog, prima il suo blog era interessante e pieno di informazioni utili. Adesso che è diventato “famoso” il suo blog ha avuto un crollo da un punto di vista di qualità (alcune volte vengono pubblicati dei post al limite del ridicolo) ma (grazie alle affiliazioni e sponsor) da un punto di vista di incassi ha avuto una impennata incredibile.

      Se ti fai un giro sulla sua fanpage trovi più insulti e prese in giro che complimenti, ma non credo (visto quello che guadagna) che per lui sia un problema. Trasformare al 100% un blog in una vetrina di affiliazioni secondo me è sbagliato, bisogna dosare le cose magari un post-marchetta ogni 50 post utili. Del resto prima di chiedere devi dare.

      Tu cosa ne pensi ?

      Liked by 1 persona

      • Federico Chigbuh Gasparini 23 febbraio 2016 alle 13:18 Reply

        Ciao Andrea,
        condivido al 100 % il tuo pensiero.

        L’unica cosa che disturba nel banner è che spesso è decontestualizzato rispetto all’argomento trattato nel blog.

        Ieri ad esempio stavo visitando il blog di Franz Russo e sul top banner sono apparse le pubblicità di una applicazione per incontri e dei traghetti per la Sardegna.

        Ma che ci azzeccano? Dico io.

        È come se io pubblicassi articoli sponsorizzati sul mio blog che parlano di generatori elettrici.

        Liked by 1 persona

        • Mr Tozzo 23 febbraio 2016 alle 13:21 Reply

          Hai ragione anche i banner dovrebbero essere in linea con il blog, uno per non disturbare il lettore e due per ottimizzare i guadagni.

          Se viene sul mio blog che parlo di telefoni un banner che parla di traghetti per la Sardegna quante conversioni può ottenere ?

          Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: