Facebook, addio privacy e Google vende i nostri commenti

Facebook e Privacy hanno una relazione complicata

 

Facebook e Privacy non sono mai stati troppo in sintonia, quindi questa nuova mossa di Mr Zuckerberg. La novità vera è che Google ha deciso di seguire la strada presa già da Facebook e vendere i nostri commenti.

FACEBOOK: ADDIO PRIVACY

Facebook aveva una opzione fantastica che permetteva di rendere il nostro profilo Facebook invisibile alle ricerche .  L’opzione si chiamava “Who can look up your Timeline by name?

L’opzione era vista da molti come un mantello che rendeva invisibile agli occhi più indiscreti. La rimozione di questa feature è iniziata gradualmente circa 1 anno fa, i primi ad essere privati sono stati gli utenti che non la utilizzavano. Adesso sembra che toccherà anche a quelli che la utilizzano (ad esempio IO).

Il motivo? Da quanto riporta wired.it più di uno:

  • L’opzione non impediva di accedere alla Timeline se la persona appariva nel news feed di Facebook o sulla pagina di un amico in comune
  • L’opzione generava confusione nelle persone quando cercavano una persona, che sapevano essere su Facebook, e non la trovavano
  • Conflitto con la nuova opzione di Facebook: Graph Search

 

GOOGLE VENDE I NOSTRI COMMENTI

La vera novità è quella di Google, il quale ha iniziato a seguire la strada presa già in passato da Facebook. Google ha intenzione di vendere i nostri commenti agli inserzionisti pubblicitari, in modo di aiutare quest’ultimi a vendere meglio i loro prodotti.

Se in questi giorni siete andati su Google sicuramente avete visto la seguente scritta:

google_pr

Quello che Mountai View  vi chiede di accettare sono i nuovi termi di utilizzo dei servizi di Google. Questo permetterà a BigG di utilizzare il vostro nome, foto e commenti nelle pubblicità su internet. Queste regole saranno operative dal giorno 11 novembre.

Google permetterà ai propri utenti di scegliere se cedere o meno queste informazioni, comunque non userà informazioni appartenenti ad utenti minorenni.  Questa mossa ha messo Google in salvo da critiche, le stesse critiche che hanno travolto Facebook quando fece la stessa cosa (alcuni utenti citarono Facebook in tribunale).

CONCLUSIONI

Sembra esserci sempre meno privacy nel mondo dei Social Network, se bene la prima (e inviolabile) policy la creiamo noi decidendo cosa pubblicare.  Cosa ne pensate?

Ad Maiora

Fonte: Wired.it 
Repubblica.it

Messo il tag:, , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: