500px: La Community dove condividere le tue foto

photo-1416339426675-1f96fd81b653

 

CONDIVIDI I TUOI LAVORI

Fotografo professionista o amatoriale non importa se vuoi fare conoscere i tuoi lavori sempre per il web devi passare. Sito personale e Social Media sono ottimi mezzi per diffondere i propri scatti, ma il rischio è di non trovare persone con le competenze giuste per criticare la tua foto.

Quindi la via giusta sarebbe quella di trovare una community frequentata, anche, da fotografi professionisti. Se fate una ricerca con Google ne trovate quante volete di community (più o meno famose) ma quella che sto provando da qualche mese, almeno per adesso con esiti positivi, si chiama 500px.

 

 

500PX: THE PREMIER PHOTOGRAPHY COMMUNITY

Il titolo non me lo sono inventato io, ma è quello che trovate se cercate 500px su Google, il sito è raggiungibile a questo indirizzo: https://500px.com/ .

 

500px

 

Una volta che avete eseguito la registrazione al sito, che può avvenire o tramite email o tramite account Social (Facebook, Twitter e Google+), potete iniziare a creare la vostra community di fotografi seguendo i suggerimenti della piattaforma (o andando alla ricerca dei migliori) e poi potete iniziare a caricare le vostre foto.

Una caratteristica interessante di questa piattaforma è che, a differenza di altre, c’è una redazione che gestisce il tutto (dalla selezione delle migliori foto alla creazione di contest). Quando caricate una vostra foto avete due possibilità:

 

  • Caricare la foto
  • Caricare la foto in una categoria precisa

 

“Ho fatto delle foto. Ho fotografato invece di parlare. Ho fotografato per non dimenticare. Per non smettere di guardare. – Daniel Pennac

 

La seconda opzione è la migliore perché caricando una foto a tema avrete più possibilità di visibilità, le categorie previste sono le seguenti:

 

  • Ambienti Urbani
  • Analogiche
  • Animali
  • Arte
  • Astratte
  • Bianco e Nero
  • Celebrità
  • Cibo
  • Città e Architettura
  • Commerciali
  • Concerti
  • Famiglia
  • Foto Subacquee
  • Giornalismo
  • Macro
  • Matrimoni
  • Moda
  • Natura
  • Paesaggi
  • Persone
  • Spettacolo
  • Sport
  • Still Life
  • Street Photography
  • Trasporti
  • Viaggi

 

Insomma avete solamente l’imbarazzo della scelta basta dare libero sfogo alla propria fantasia. Il fatto che il tutto sia gestito da una Redazione è positivo perché abbiamo a disposizione anche diverse iniziative, infatti i contest fotografici a premi sono uno delle cose interessanti di 500px.

 

CONCLUSIONI

Insomma se ami la fotografia, sia che tu sia Pro o Amatoriale, ti consiglio di provare questa piattaforma. Già la usi o ne conosci altre? Se vuoi lascia la tua esperienza nei commenti sotto questo post.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  :D ).

 

In questo Paese tutti Wannabe …

pelle-maxw-654

 

Io avrei fatto benissimo il medico“…..ho visto tutte le cassette di “Esplorando il Corpo Umano”.

Io avrei fatto benissimo l’architetto, guarda come ho arredato bene la mia casa”.

Io avrei fatto bene il manager“….. ero veramente forte a Monopoli.
Ora il fatto che andavi forte con “l’Allegro Chirurgo” non fa di te un medico…. Come fare il gesto del Cucchiaio non fa di te il mago del calcio. In questo Paese troppi wannabe che si improvvisano “qualcosa” senza avere delle reali competenze, ok reinventarsi ma alcune volte si supera veramente il limite della decenza facendo inoltre molti danni.

 

“Se credi che un professionista costi tanto, vedrai quanto ti costerà un dilettante !”

 

Il problema di questi wannabe che oltre a rovinare il mercato fanno anche dei danni grossi a quei clienti che hanno la sfortuna di capitarci (alcuni hanno rischiato anche la chiusura). Quindi prima di fare lo sbruffone è il caso che tu, mio caro wannabe, possegga delle competenze che ti permettano di fare il tuo lavoro in maniera professionale.

 

CONCLUSIONI

Cosa ne pensi ? Nel tuo percorso lavorativo hai mai incontrato un wannabe ? Se ti va puoi lasciare la tua esperienza nei commenti sotto questo post.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  :D ).

 

I 4 migliori Droni

quadrocopter-451747_1920

 

L’uomo, da sempre, ha desiderato di volare anche se non era il suo habitat naturale. Dalla leggenda di Icaro ai disegni di Leonardo Da Vinci l’uomo si è sempre ispirato al volo degli uccelli per tentare di replicarlo. Alla fine i fratelli Wright, anche se per pochi metri, riuscirono a realizzare il sogno: volare !!

 

“Quando camminerete sulla terra dopo aver volato, guarderete il cielo perché là siete stati e là vorrete tornare. – Leonardo Da Vinci”

 

C’è chi è riuscito a trasformare questa passione in lavoro, diventando pilota, chi invece vola come semplice passione. In questo ultimo anno abbiamo assistito al boom dei Droni, oggetti volanti, che ancora una volta confermano la forte passione dell’uomo per il volo.

 

I 4 MIGLIORI DRONI COMMERCIALI

Esistono diverse tipologie di Droni, da quello ultra commerciale da 20€ che si rompe dopo 2 minuti di volo a quello ultra tecnologico (alcuni sfiorano anche i 1000€). Prima di vedere quali sono i 4 migliori Droni commerciali il consiglio che vi posso dare è, per fare pratica, iniziate con Droni di massimo 30/40€.

Guidarli, almeno inizialmente, non è facile come può sembrare e quindi è meglio rompere un Drone da 30€ che uno da 300€.

 

BLADE NANO QX

 

blade nero qx

 

Se vuoi lo puoi comprare qui: Blade Nano QX

 

PARROT BEBOP

 

Parrot Bebop

 

Se vuoi lo puoi comprare qui: Parrot  Bebop

 

PARROT AR

 

AR Drone

 

Se vuoi lo puoi comprare qui: Parrot  AR 

 

LATRAX ALIAS

 

LATRAX

 

Se vuoi lo puoi comprare qui: Latrax Alias

 

CONCLUSIONI

L’impiego dei Droni non è solamente di tipo ludico ma può avere anche utilizzi professionali, ad esempio vedi Amazon che li vuole impiegare per la consegna dei pacchi. Ci sono anche tanti altri impieghi, ad esempio:

 

  • Sicurezza
  • Sanità
  • Controllo del territorio

 

Questi che ho elencato nel post sono i 4 migliori Droni commerciali (secondo me), se tu ne conosci  altri (o se vuoi dire qualcosa su quelli che ho elencato io) puoi sfruttare i commenti sotto questo post.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  :D ).

 

Cosa non sopportate dei bloggers?

ratto-puffo

 

Ormai lo sappiamo come funziona sul web, nasce una cosa fica poi diventa famosa (e quindi utilizzata da tutti) e subito diventa un merdaio. Anche la blogosfera non è esente da questa legge e visto che ormai è diventato cool avere un blog tanto che ormai sono spuntati come funghi.

Quando andiamo a raccogliere funghi alcuni sono buoni, anzi ottimi, mentre altri sono pessimi (o peggio ancora velenosi). Stessa storia è per i blog che sono nati in questi ultimi anni, alcuni sono veramente interessanti sia per i contenuti trattati e sia per come vengono presentati, altri sono pessimi con contenuti scarsi (per lo più copiati) con titoli al limite del click baiting ma questi sono anche quelli che hanno vita breve.

 

Clickbait is a pejorative term describing web content that is aimed at generating online advertising revenue, especially at the expense of quality or accuracy, relying on sensationalist headlines or eye-catching thumbnail pictures to attract click-throughs and to encourage forwarding of the material over online social networks. Clickbait headlines typically aim to exploit the “curiosity gap”, providing just enough information to make the reader curious, but not enough to satisfy their curiosity without clicking through to the linked content”

 

La piaga peggiore  della blogosfera sono i “blog velenosi“, quei blog che rovinano la reputazione di quei blogger che (citando Francesco Ambrosino) sputano sangue ad ogni post.

 

 

IL SONDAGGIO

Ho lanciato un sondaggio su Twitter per capire meglio quali sono i comportamenti che danno più fastidio dei blogger. Attualmente mentre scrivo il sondaggio non è ancora chiuso e quindi quelli che vedete in foto sono solamente i risultati parziali.

 

blogger

 

 

**UPDATE

Si è da poco concluso il sondaggio che avevo lanciato su Twitter e questo invece è stato il risultato finale:

 

 

Come potete vedere non c’è un atteggiamento che prevale ma sono tutti più o meno li vicini, vorrà dire che tutti e quattro gli atteggiamenti sono molto irritanti? Potrebbe, anzi ne sono sicuro perché sono gli stessi che infastidiscono anche me, inoltre ho ricevuto un commento sotto il tweet pare confermare questa mia tesi.

 

 

CONCLUSIONI

Ognuno è libero di gestire il proprio blog come meglio crede tanto alla fine non servono “trucchetti” o “Formule Magiche”, alla fine è sempre il lettore che decreta il successo o il fallimento di un progetto.

Inoltre girando sul web dal 1999 e bazzicando la blogosfera dal 2009 una mia idea su cosa è valida e su cosa è fuffa me la sono fatta, voi invece cosa ne pensate? Cosa non sopportate dei blogger? Lasciate il vostro parere nei commenti sotto questo post.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  :D ).

 

 

Come trasferire la rubrica da iPhone ad Android

0_480_640_0_70_http---i.haymarket.net.au-News-carrying-boxes-2

 

E’ arrivato il momento di cambiare il tuo smartphone e questa volta hai deciso di non rimanere legato ad Apple ma di provare nuove strade, la tua scelta è ricaduta su uno smartphone Android. Una  volta finito il momento di euforia per il nuovo bolide arrivare il momento più critico, trasferire la rubrica dal tuo vecchio iPhone al nuovo bolide con Android.

Naturalmente il trasferimento iPhone ==> iPhone risulta essere più indolore perché gestisci tutto tramite iTunes, ma tranquilli che anche iPhone ==> Android non è complicato. Se non vogliamo fare la fine del tizio in foto, traferire a mano tutti i contatti, possiamo affidarci al programma Easy Backup (che potete scaricare da qui).

 

INIZIAMO IL TRASLOCO

Una volta che avete installato e fatto partire  l’applicazione dovete seguire la procedure per l’iPhone e poi per Android.

 

PROCEDURA IPHONE

Una volta fatta partire l’applicazione sul vostro iPhone:

 

  • Permettete ad Easy Backup di accedere ai vostri contatti
  • Cliccate su Backup per creare un file VCF
  • A questo devi decidere dove salvare il tuo backup (Email o Cloud)

 

PROCEDURA ANDROID

Adesso dobbiamo caricare il file di backup creato precedentemente sul nostro nuovo bolide con Android:

 

  • Installare il programma Import Contacts (se volete potete scaricarlo da qui)
  • Scaricatevi il backup che avete creato precedentemente
  • Utilizzate il programma Import Contacts per caricare sul nuovo telefono il file VCF (il vostro backup)
  • Cliccate su Begin per far partire l’importazione del backup

 

CONCLUSIONI

La procedura può risultare più macchinosa rispetto a quella tramite iTunes però alla fine non è impossibile da eseguire, inoltre il programma Easy Backup io lo terrei anche se non dovessi fare nessuna “migrazione” verso nuovi sistemi, infatti può essere molto comodo per avere un backup in più oltre a quello su iTunes.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  :D ).

 

 

***SEGNALAZIONE***

Ho ricevuto un Comunicato Stampa  per un evento che potrebbe interessare chi fosse in zona, qui di seguito un piccolo estratto del Comunicato che potete avere integrale contattando il Responsabile.

” Volevo segnalarti l’evento MUSEO VIVENTE DEL TRULLO, organizzato dall’Associazione ARTECA, che si terrà per tutta l’estate e oltre, a giorni alterni, nella caratteristica cornice dei trulli di Alberobello, presso il Rione Aia Piccola.

RESPONSABILE COMUNICAZIONE E PROMOZIONE: Filippo Gigante  Cell. 338 73 34 108  www.filippogigante.it 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 596 follower