Come trasformare il Computer in un modem-wifi per il nostro #Iphone

Chiedilo a Mr Tozzo

Eccoci ad una nuova puntata della rubrica “Chiedilo a Mr Tozzo”, se non l’hai già fatto puoi scaricare cliccando qui il primo e-book dove sono raccolti tutti i post della prima stagione, se era possibile sfruttare la connessione del nostro Macbook per navigare con il nostro Iphone.

Sinceramente è una situazione un po’ anomala perché di solito è l’Iphone che funziona da modem per il nostro portatile, però per qualche motivo potremmo avere bisogno di utilizzare il nostro Iphone e non avere la connessione umts. L’unica soluzione è quella di sfruttare la connessione del MacBook per navigare.

La domanda, come diceva Lubrano, nasce spontanea: ma se hai a disposizione un MacBook collegato via ethernet, perché non usi quello per navigare? Perché magari è già occupato da un’altra persona.

TRASFORMA IL TUO MACBOOK IN UN MODEM

L’operazione è molto semplice, per funzionare serve creare un piccola rete WiFi tra il nostro Iphone e il MacBook. Ok andiamo a vedere come fare:

  1. La prima cosa da fare è accedere a Preferenze di Sistema e cliccare sul tasto Condivisione
  2. Il secondo step è quello di andare su Condivisione Internet e qui dal menù Condividi la tua connessione da e qui bisogna decidere il tipo di connessione che avrà, e che dovrà essere condivisa,  il nostro MacBook. Quindi se il vostro computer è collegato via cavo dovrete scegliere Ethernet altrimenti Wi-Fi.
  3. Il terzo step è quello di andare nella schermata che trovate in basso a destra (quello dove trovate scritto “Al computer che usano:” e selezionate la voce Wi-Fi. Se vogliamo proteggere la nostra connessione dobbiamo cliccare sul tasto Opzioni Wi-Fi e qui selezionate dal menù Sicurezza la voce WPA2 Personal.


Seguiti questi tre step siamo quasi pronti, infatti una volta configurata la rete tra il nostro Computer e l’Iphone bisogna abilitarla. Quindi mettiamo la spunta su Condivisione Internet e poi cliccate sul tasto Avvia.

 

TRASFORMA IL TUO PC-WINDOWS IN MODEM

Ma se io uso Windows? Si può fare? Si però abbiamo bisogno di un programma esterno da installare sul nostro computer, il programma si chiama Virtual Router”.  Una volta scaricato e installato il programma bisogna configurarlo, anche in questo caso è molto semplice e i passi sono simili alla configurazione sul MacBook. Bisogna decidere la rete del computer da condividere (Ethernet o Wi-Fi), la sicurezza della rete e il nome della rete.

Una volta configurato il programma bisogna cliccare su Start Virtual Router, a questo punto basta andare sul nostro Iphone e abilitare il Wi-Fi e collegarci alla nostra rete.

Naturalmente non funziona solamente con un Iphone, infatti l’ho testato anche con un Samsung S4 e funziona anche con tablet o altri portatili visto che quello che stiamo facendo è semplicemente condividere una connessione internet.

 

CONCLUSIONE

Se hai problemi informatici, hai una domanda sul web o sui Social? Allora manda una e-mail a info@toxnetlab.com oppure manda un tweet a @Mr_Tozzo con l’hashtag #chiediaMrTozzo.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi :D ).

Convertire una presentazione #PowerPoint in #Flash, perché e come farlo?

Eccoci nuovamente ad una nuova puntata della rubrica “Chiedilo a Mr Tozzo“,  oggi la domanda è la seguente:

 

“Esiste un modo per convertire la nostra presentazione in Power Point in Flash?”

 

Si è possibile farlo, prima però vediamo esattamente che cos’è la tecnologia Flash. La definizione, presa da Wikipedia, è la seguente:

 

Adobe Flash (in precedenza Macromedia Flash e ancora prima FutureSplash) è un software per uso prevalentemente grafico che consente di creare animazioni vettoriali principalmente per il web. Viene utilizzato inoltre per creare giochi o interi siti web e grazie all’evoluzione delle ultime versioni è divenuto un potente strumento per la creazione di Rich Internet Application e piattaforme di streaming audio/video.

 

Ma perché convertire una presentazione da Power Point a Flash ? 

In questa maniera la tua presentazione potrà arrivare a un pubblico molto più vasto perché potrà essere fruibile tramite web (grazie solamente a un semplice browser) senza problemi di compatibilità di programmi (vedi il problema che hai se apri una presentazione con una vecchia versione di Power Point).

Inoltre convertendo il file da Power Point a Flash la dimensione del file si riduce di molto (si può ridurre fino a 1/10 della dimensione originale) rendendo il file fruibile anche a chi si collega con una connessione “precaria” che non sia la banda larga.  Quindi questo allarga anche il pubblico a gli utilizzatori di connessioni UMTS o anche a qualche vecchia 56K.

Il Flash ti da la possibilità di inserire delle tracce audio, ad esempio una voce guida che ti legge la presentazione.

Il Flash ti permette di visualizzare un video con qualsiasi tipo di risoluzione senza perdere troppo in qualità.

Il Flash permette lo streaming, ovvero potrai vedere la presentazione subito senza dover aspettare che il file sia stato scaricato.

Un file in formato Flash è distribuibile tramite email senza problema grazie alle dimensioni ridotte e al fatto che non hai problemi di compatibilità di software per visualizzarlo.

Se ti sei convinto e vuoi convertire subito la tua presentazione in Flash ecco qui di seguito alcuni tool che ti possono tornare utili:

 

  1. PresentationPro PowerConverter
    http://www.presentationpro.com/
  2. OpenOffice.org
    http://www.openoffice.org
  3. Adobe Acrobat Connect Professional
    http://www.adobe.com/products/acrobatconnectpro
  4. Knowledge Direct-to-Web
    http://www.knowledgedirectweb.com
  5. PPT to Flash Studio
    http://www.increditools.com


CONCLUSIONI

Se hai problemi informatici, hai una domanda sul web o sui Social? Allora manda una e-mail a info@toxnetlab.com oppure manda un tweet a @Mr_Tozzo con l’hashtag #chiediaMrTozzo.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi :D ).

6 trucchi per migliorare le ricerche su #Google

Google è il motore di ricerca più utilizzato al mondo, ogni giorno vengono effettuate milioni di ricerche e vengono generati milioni di risultati. Se usate il web con frequenza sicuramente vi sarà capitato di effettuare una ricerca su Google, o su un qualsiasi motore di ricerca, e sicuramente avete notato quanti risultati vengono tirati fuori per ogni singola parola che cercate. La maggior parte di quei risultati è “fuffa” che crea solamente entropia e ci fa perdere tempo o può portarci fuori strada nelle nostre ricerche. Se vogliamo raffinare le nostre ricerche dobbiamo utilizzare dei “codici” (o stringhe) che permetteranno di migliorare le nostre ricerche.

 

TESTO TRA VIRGOLETTE

Il primo che andiamo a vedere è il testo tra virgolette, grazie a questo trucco andiamo ad imporre al motore di ricerca di ricercare esattamente la stringa inserita tra le virgolette. Quindi se andiamo a scrivere  “macchina elettrica” Google, o chi per lui, andrà a ricercare esattamente macchina elettrica.

 

Schermata 2014-11-15 alle 23.43.20

 

UTILIZZO DEL CARATTERE +

Se andiamo a scrivere la seguente stringa nel motore di ricerca, macchina+elettrica, andiamo a dire che deve essere effettuata una ricerca delle parole nell’ordine che ho scritto. L’utilizzo del simbolo + a differenza del virgolettato mi tira fuori i risultati dove le due parole appaiono esattamente in questa sequenza, mentre con le virgolette l’ordine potrebbe non essere rispettato o apparire risultati con solamente una delle due parole.   

 

SITE

Se andiamo a scrivere site:www.toxnetlab.com tecnologia il motore di ricerca restituirà i risultati riguardanti la parola tecnologia che si trovano nel sito web indicato.

 

LINK

Se andiamo a scrivere link:www.toxnetlab.com il motore di ricerca restituisce tutti quei siti che hanno un link verso il sito indicato nella stringa.

 

DEFINE

Se cerchiamo una definizione di una parola basta scrivere la seguente stringa define:Nerd. In questa maniera il motore di ricerca ci fornirà la definizione, tratta da Wikipedia, della parola inserita nella stringa.

 

FILETYPE

Se andiamo a scrivere filetype: pdf guida linux il motore di ricerca andrà a cercare le due parole, guida e linux, in quei siti web che hanno una versione in formato pdf. Questa stringa è utile per trovare documenti.

 

CONCLUSIONE

Tu ne conosci altri di codici da utilizzare per migliorare le ricerche su Google? Se si lascia il tuo contributo nei commenti, potrà essere utile anche ad altri.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi :D ).

#WAZE il Social Network per gli automobilisti

Fonte Foto

 

Facebook ha aperto la strada per il mondo dei Social Network e dalla sua comparsa ne sono nati di tutti i tipi, molti utili altri inutili, Waze è un Social Network molto utile.

Questa applicazione è disponibile sia per iOS , Android e Windows Phone. Il sito ufficiale invece è questo Waze.  Sul sito troviamo la seguente definizione dei creatori:

 

“Waze è un’applicazione per la navigazione e per evitare il traffico con una delle comunità di utenti più numerose al mondo. Unisci le tue forze a quelle degli altri automobilisti per condividere informazioni in tempo reale sul traffico e le condizioni stradali, in questo modo, risparmierai il tempo e i soldi di tutti, ogni giorno.”

 

UNITI CONTRO IL TRAFFICO

Il problema più grosso per gli automobilisti? Il traffico !!! Affrontarlo da solo può essere una esperienza devastante, se invece abbiamo una community alle nostre spalle l’esperienza può essere più piacevole.

La funzione di base è quella di un navigatore, infatti una volta che facciamo partire l’applicazione ci troviamo davanti alla mappa con la nostra posizione individuata dal gps del nostro smartphone.

 

waze

 

Da questo momento siete online, potrete utilizzare l’applicazione come navigatore, ma anche come uno strumento per monitorare il traffico. In tempo reale avrete la situazione del traffico intorno a voi.

Queste segnalazioni di traffico vengono fatte dagli utenti stessi i quali possono lasciare diversi tipi di segnalazione che possono essere:

 

  • Traffico (moderato, intenso, in coda)
  • Polizia (visibile, poco visibile)
  • Incidente (lieve, grave)
  • Pericolo (sulla strada, lato corsia, tempo)
  • Autovelox (autovelox, semaforo, finto)
  • Chiusura (indicare se una strada è chiusa)
  • Errori (indicare se c’è un errore nella segnalazione di un utente)

 

Inoltre quando effettuate una segnalazione avete la possibilità di effettuare una foto da allegare.


CONCLUSIONI

L’applicazione prevede anche una gara tra utenti, infatti più km effettuate e più segnalazioni effettuate e più punti otterrete. E’ presente una classifica nazionale e una classifica con i vostri amici.

L’applicazione interagisce con Facebook e LinkedIn e permette di chattare con gli altri utenti su Waze (DA NON FARE MENTRE GUIDATE !!! ). Io uso questa applicazione da 2 anni e la trovo molto interessante, specialmente per evitare il traffico !!

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi :D ).

Scrivi per i tuoi lettori o per il tuo blog?

 

Sei davanti al tuo computer con il foglio bianco di Word e stai iniziando a scrivere, ma ti sei mai chiesto per chi stai scrivendo? Scrivi per il tuo blog, per te stesso o per i tuoi lettori? Ho fatto questa domanda in rete e queste sono state le risposte che ho avuto:

 

“Scrivo per me. Fortunatamente piace come scrivo ai lettori quindi tutto fila liscio. Però ogni tanto do una limata. – Riccardo”

“Per me, e di conseguenza per gli altri. – Davide”

“Tutti e due…di più per i miei lettori – Viola”

“Solo per loro, se fosse per me farei altro – Gianluca”


PER CHI SCRIVO?

 

Meglio scrivere per sé stessi e non aver pubblico, che scrivere per il pubblico e non aver sé…

 

Domandarsi per chi si sta scrivendo è fondamentale perché cambia il tipo di impostazione, l’approccio che uno ha nello scrivere. Se hai aperto un blog “tecnico”, quindi non un blog personale, sicuramente l’impostazione sarà quella di scrivere per i propri lettori.

Questo perché il tuo blog dovrà essere una guida, un faro, per i vari utenti che stanno navigando senza meta nell’immenso oceano del web. Dovrai capire quello che vogliono, e come lo vogliono, per poi metterlo sul tuo blog. Questo sicuramente ti permetterà di avere non dei semplici lettori, ma dei veri e propri fan.

E se non ho un blog tecnico? Devo scrivere per me o per i miei lettori? Come ti viene meglio, cercando di dosare le due opzioni anche perché fa sempre bene ascoltare i propri lettori. La voce dei lettori può darti l’ispirazione per un testo o magari farti vedere una cosa sbagliata che tu non riuscivi a vedere.

 

CONCLUSIONI

Se hai un blog non devi scrivere per forza sempre quello che vogliono i lettori (diventerebbe quasi un lavoro da dipendente con i lettori come Capo), ma sentire la loro voce e prendere ispirazione, ascoltare le loro richieste e valutare.

Potresti programmare una volta alla settimana di pubblicare un post su richiesta direttamente dai tuoi lettori.  Cosa ne pensi?

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi :D ).

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 725 follower